RSS

Archivi tag: carpi casa

Tutele per gli acquirenti degli immobili da costruire, il decalogo del Notariato

Tutele per gli acquirenti degli immobili da costruire, il decalogo del Notariato

Entrano in vigore sabato 16 marzo le nuove tutele per gli acquirenti degli immobili da costruireintrodotte dal dl n 14/2019. Il Consiglio Nazionale del Notariato ha presentato un decalogo per chiarire qualsiasi dubbio per acquirenti e venditori di case in costruzione.

1) Legge sugli immobili da costruire, cosa prevede?

Con il dlgs 122/2005 il legislatore si è preoccupato di tutelare le persone fisiche, che stipulano con un’impresa di costruzioni un contratto che ha come effetto il trasferimento non immediato di un immobile in corso di costruzione, dal rischio che, a causa della crisi dell’impresa costruttrice, l’acquirente subisca la perdita degli acconti versati per l’acquisto.

La tutela per chi compra prevede:

  • l’obbligo del costruttore di consegnare all’acquirente una fidejussione, che garantisca il rimborso, in caso di crisi dell’impresa, di tutte le somme pagate o da pagare prima del trasferimento definitivo della proprietà;
  • l’obbligo di consegnare all’acquirente, al momento del trasferimento della proprietà, una polizza assicurativa di durata decennale (cd. decennale postuma) che garantisca il risarcimento dei danni materiali e diretti all’immobile, derivati dalla rovina totale o parziale o da gravi difetti costruttivi.

2) Perché il legislatore è intervenuto sulla normativa precedente?

Il legislatore si è reso conto che la norma, per gli acquisti effettuati fino al 15 marzo 2019, poteva essere facilmente disapplicata poiché le imprese potevano non rilasciare le garanzie e comunque vendere gli immobili in costruzione. Lo spirito della norma non è solo migliorare le tutele a favore dell’acquirente, ma anche la qualità imprenditoriale, introducendo la necessità per il costruttore di essere considerato “garantibile”.

3) Vendita di immobili da costruire e tutela dell’acquirente, cosa cambia?

La nuova legge (dlgs n.14/2019) prevede l’obbligo di stipulare il contratto preliminare (mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata) con l’intervento del notaio, al quale impone di verificare ed attestare la correttezza della fidejussione (che deve essere conforme ad un modello ministeriale).
Il notaio non stipulerà l’atto in assenza di fidejussione. Inoltre, in base alle nuove norme, la fidejussione garantisce il rimborso delle somme versate dal futuro acquirente anche in caso di mancato rilascio della polizza indennitaria decennale postuma in occasione dell’atto di compravendita dell’immobile.

4) Legge immobili da costruire, quando entra in vigore?

Le maggiori tutele previste dalla nuova legge si applicano a tutti i contratti (preliminari o definitivi) relativi a fabbricati abitativi per i quali il titolo abilitativo (permesso di costruire/scia/dia) sia stato richiesto o presentato al Comune a decorrere dal 16 marzo 2019.

5) Tutela acquirenti immobili da costruire, la fidejussione

La fidejussione è efficace fino a quando l’assicurazione o la banca che l’ha rilasciata ricevano copia autentica dell’atto di trasferimento dell’immobile contenente l’attestazione del rilascio della polizza assicurativa decennale postuma.

Fino a quel momento, la somma garantita dalla fidejussione può essere pretesa dal futuro acquirente in caso di crisi dell’impresa costruttrice, se il futuro acquirente abbia comunicato di voler recedere dal contratto oppure se il notaio abbia attestato di non aver potuto ricevere l’atto di trasferimento per il mancato rilascio della polizza decennale postuma.

6) Preliminare immobili da costruire, l’intervento del notaio

L’intervento del notaio nel preliminare che riguarda l’acquisto di un immobile da costruire, assicura che siano effettuate tutte le verifiche (visure ipotecarie) riguardanti l’esistenza di ipoteche o altri vincoli sull’immobile da costruire. Inoltre, il notaio è obbligato a trascrivere il contratto preliminare nei registri immobiliari, con l’effetto di proteggere l’acquirente dal rischio di ipoteche o vincoli successivi alla trascrizione stessa (purché la vendita intervenga entro tre anni).

7) Preliminare immobile da costruire, cosa deve contenere

Oltre all’indicazione del rilascio della fidejussione e all’attestazione della sua conformità al modello ministeriale, il preliminare deve contenere:

  • la descrizione dell’immobile da costruire, con i suoi confini, e delle pertinenze;
  • l’indicazione degli eventuali atti d’obbligo, nonché l’esistenza di ipoteche o trascrizioni pregiudizievoli;
  • il termine pattuito per l’esecuzione dei lavori, il prezzo e le modalità di pagamento;
  • gli estremi del permesso di costruire e l’indicazione dell’esistenza di imprese appaltatrici;
  • il capitolato con le caratteristiche dei materiali e gli elaborati di progetto.

8) Compravendita immobili da costruire, come interviene la legge?

La legge interviene anche al momento della compravendita di un immobile da costruire. Infatti il costruttore deve consegnare all’acquirente una polizza assicurativa indennitaria decennale, a copertura dei danni materiali subiti dall’immobile per effetto di rovina totale o parziale o di gravi difetti costruttivi dell’opera. Il contratto di compravendita deve contenere l’indicazione degli estremi della polizza decennale.

In caso di mancata consegna della polizza, il notaio non procede a ricevere l’atto e l’acquirente che abbia comunicato la propria volontà di recedere dal contratto ha diritto di ottenere dalla società o dalla banca che ha rilasciato la fidejussione il risarcimento di quanto versato al costruttore.

9) Immobili da costruire, cosa succede se non rispetta la norma?

Il mancato rispetto dell’obbligo di stipulare il preliminare con atto pubblico o scrittura privata autenticata comporta la nullità assoluta del contratto per mancanza di forma. L’intervento del notaio nella stipula del contratto preliminare e del contratto definitivo garantisce il rispetto dell’obbligo di consegna della fidejussione (nel preliminare) e della polizza decennale (nel definitivo), che il notaio è tenuto ad indicare nel contratto.

10) Acquisto immobile sulla carta, come comportarsi?

Come ci si deve comportare se si intende acquistare un immobile sulla carta? Ciò che prima della prima della riforma era un’opportunità raccomandata adesso è un obbligo di legge: rivolgersi al notaio, affidandogli l’esecuzione, oltre che delle verifiche sull’inesistenza di ipoteche o vincoli di altro tipo, del controllo sul rilascio della fidejussione.

 

fonte: idealista – https://www.idealista.it/news/immobiliare/residenziale/2019/03/15/130389-tutela-acquirenti-immobili-da-costruire-il-decalogo-del-notariato#xts=402916&xtor=EPR-140-%5Bche_succede_20190315%5D-20190315-%5Bm-01-titular-node_130389%5D-7524303@3

Annunci
 
 

Tag: , , , , , , , , , ,

Legge di Bilancio 2018, detrazioni casa

Legge di Bilancio 2018, detrazioni casa

Con la terza e definitiva approvazione in Senato, la legge di Bilancio 2018 ha preso finalmente una forma definitiva. Così come tutte le detrazioni per la casa, dal bonus ristrutturazione al nuovissimo bonus verde.

Bonus ristrutturazioni 2018 – è stato prorogato fino al 31 dicembre 2018 il bonus fiscale del 50% per gli interventi di ristrutturazione delle abitazioni e delle parti comuni degli edifici condominiali.

Bonus mobili 2018 – Collegato ai lavori di ristrutturazione, viene prorogato il bonus per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. Per usufruire del bonus i lavori devono iniziare dopo il 1º gennaio.

Bonus verde finanziaria 2018 – Viene introdotto per il 2018 un bonus del 36% per gli interventi di sistemazione a verde delle aree scoperte private degli edifici esistenti,  unità immobiliari, pertinenze e recinzioni, fino a un massimo di spesa di 5mila euro per unità immobiliare.

Detrazioni ecobonus 2018 – viene prorogata la detrazione per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici, ma cambiano le percentuali di sconto. Scende al 50% il bonus per l’acquisto e installazione di infissi, schermature solari e sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie biomassa e caldaie a condensazione di classe A. Rimane al 65% la detrazione per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione  di efficineza pari alla classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti. Viene introdotta anche la detrazione del 65% per l’acquisto e installazione di micro-generatori in sostituzione di impianti esistenti.

Sismabonus 2018 – Viene prorogato il bonus  per la messa in sicurezza antisismica delle parti comuni degli edifici condominiali, degli edifici residenziali e produttivi, che, quest’anno, viene esteso anche alle case popolari. Si parte da una riduzione del 50% che puo’ arrivare fino all’85% per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali che non solo riducono il rischio sismico, ma anche riqualificano energeticamente.

Cessione credito bonus energia – viene estesa la possibilità di cedere il credito per gli interventi di riqualificazione energetica anche per singole unità immobiliari.

Fondo nazionale per l’efficienza energetica – Viene inserita una sezione per il rilascio di garanzie su operazioni di finanziamento di interventi di riqualificazione energetica, con una dotazione di 50milioni di euro.

Detrazione polizze calamità – Diventano detraibili le assicurazioni contro il rischio di eventi calamitosi stipulati sulle singole abitazioni.

fondo demolizione opere abusive – Viene istituito un fondo di 10 milioni (5 per il 2018 e 5 per il 2019) per la demolizione degli edifici abusivi. Viene inoltre istituita una banca dati centralizzata presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sull’abusivismo edilizio.

Riqualificazione dimore storiche – Vengono riattivati i contributi per gli interventi conservativi sulle dimore storiche private (10 milioni di euro per il 2019 e 20 milioni di euro a decorrere dal 2020)

cedolare secca canone concordato 2018 – prorogata anche per il prossimo biennio la cedolare secca al 10% per i contratti a canone concordato.

Detrazione canoni di locazione studenti fuori sede – detrazione  potrà essere richiesta anche nel caso in cui l’immobile sia situato nella stessa provincia di residenza. Nel caso in cui lo studente viva in una zona montana e disagiata, la detrazione potrà essere richiesta anche nel caso in cui la distanza tra luogo di residenza e di studi sia pari ad almeno 50 km.

 

fonte: idealista ( https://www.idealista.it/news/finanza/casa/2017/12/27/124861-legge-di-bilancio-2018-detrazioni-casa#xts=402916&xtor=EPR-140-%5Bche_succede_20171227%5D-20171227-%5Bm-01-titular-node_124861%5D-7524303@3 )

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 dicembre 2017 in Attualità

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Legge di bilancio 2018: sí a bonus ristrutturazione, ecobonus e cedolare secca

Legge di bilancio 2018: sí a bonus ristrutturazione, ecobonus e cedolare secca

l Consiglio dei Ministri ha approvato la legge di Bilancio per il 2018 che entro il 20 ottobre dovrà passare alle Camere. Il testo non è ancora disponibile, ma dalle indiscrezioni e dalla prima bozza, sono state confermate le proroghe del bonus ristrutturazione, dell’ecobonus e della cedolare secca. Novità è l’introduzione del bonus verde.

  • Legge di bilancio 2018 ristrutturazione edilizia
    Qualche giorno fa Delrio aveva annunciato una possibile proroga pluriennale del bonus ristrutturazioni, mentre nessuna informazione era stata data riguardo al bonus mobili. Nella prima bozza appare il bonus ristrutturazioni con le stesse caratteristiche del 2017, prorogato fino al 31 dicembre 2018. Nessuna notizia sul bonus mobili.
  • Legge di bilancio 2018 ecobonus – Come annunciato da Delrio, la manovra garantisce la proroga dell’ecobonus, che sarà stabilizzato per i condomini. Per il 2018 confermata la detrazione fiscale (al 50% e non più al 65%) per le finestre o le caldaie a condensazione, ma allargato anche agli incapienti per la cessione del credito. Si sta pensando di legare la percentuale di detrazione all’obiettivo di efficientamento energetico effettivamente raggiunto
  • Bonus verde 2018 – Assoluta novità della manovra sarà il cosiddetto bonus verde, ovvero una detrazione del 36% per i lavori di sistemazione di terrazzi e giardini, anche condominiali.
  • sismabonus 2018 – la detrazione fiscale per gli interventi di adeguamento e miglioramento antisismico si applicherà anche alle certificazioni statiche degli edifici non seguite da lavori
  • Riqualificazione periferie urbane – Il ministro del lavoro, Padoan, ha annunciato che sarà avviata a breve la riqualificazione ambientale e sociale delle periferie
  • proroga cedolare secca 2018 – Secondo fonti di governo, citati dall’Ansa, nella legge di Bilancio ci sarebbe la conferma della cedolare secca. L’agevolazione fiscale al 10% e’ stata introdotta dal Piano casa per gli affitti concordati, con la durata di un quadriennio a decorrere dal 2014 e fino al 31 dicembre 2017.
  • edilizia sanitaria – previsto un miliardo in più di incentivi in tre anni  sul fronte della sanità per l’edilizia nel settore della sanità

 

fonte: idealista https://www.idealista.it/news/finanza/casa/2017/10/17/124281-legge-di-bilancio-2018-bonus-ristrutturazione-in-forse-si-alle-altre-detrazioni-fiscali-per#xts=402916&xtor=EPR-139-%5Bbolletino_20171020%5D-20171020-%5Bm-01-titular-node_124281%5D-7524303@3

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 ottobre 2017 in Attualità

 

Tag: , , , , , , , , , ,

ATTENZIONE!!!

ATTENZIONE!!!

INFORMIAMO TUTTI I CLIENTI CHE EUROCASAIMM HA UN SOLO UFFICIO A CARPI, ED E’ IN VIA G. MAZZALI N. 23, ALTRE AGENZIE/UFFICI CON NOMI SIMILI PRESUMIBILMENTE RICONDUCIBILI A NOI NON FANNO PARTE DEL NOSTRO GRUPPO E NON SONO ASSOLUTAMENTE COLLEGATE AI NOSTRI SERVIZI.

 

SE CERCATE NOI,

FATE ATTENZIONE AL NOSTRO MARCHIO!

logo.jpg

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 ottobre 2017 in Eurocasaimm

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Manovra correttiva 2017: le novità per il settore immobiliare

Manovra correttiva 2017: le novità per il settore immobiliare

Con il voto di fiducia alla Camera, arriva ormai alle battute finali la manovra correttiva alla legge finanziaria che dovrà arrivare alla conversione entro il 23 giugno 2017. Ecco tutte le novità che interessano il settore immobiliare.

Manovra correttiva 2017 detrazioni

Si modifica la disciplina in materia di cessione delle detrazioni spettanti per interventi di incremento dell’efficienza energetica nei condomìni. In particolare si estende fino al 31 dicembre 2021 la possibilità per i soggetti che si trovano nella no tax area (pensionati, dipendenti e autonomi) di cedere la detrazione fiscale loro spettante ai fornitori che hanno effettuato i lavori condominiali per l’incremento dell’efficienza energetica. Inoltre si prevede che la detrazione può essere ceduta anche ad altri soggetti privati (compresi istituti di credito e intermediari finanziari). La cessione è consentita purché le condizioni di incapienza sussistano nell’anno precedente a quello di sostenimento delle spese.I soggetti cessionari hanno titolo a godere di un credito d’imposta in misura pari alla detrazione ceduta, fruibile in dieci quote annuali di eguale importo. Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione.

Manovra correttiva pignoramenti

Con la modifica introdotta il Fisco potrà espropriare un immobile diverso dalla prima abitazione se il debitore possiede un patrimonio immobiliare complessivo del valore minimo di 120 mila euro.

Stabilizzazione della mediazione

Fine della fase di sperimentazione della mediazione in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno da responsabilità medico-sanitaria e da diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità nonché contratti assicurativi, bancari e finanziari. Dal 2018 sono posti a carico del Ministero della giustizia obblighi di relazione annuale alle Camere sui risultati prodotti dalla mediazione obbligatoria.

Detrazione fiscale per adeguamento sismico 2017

So provvede a disciplinare le relative detrazioni qualora gli interventi per la riduzione del sismico siano realizzati nei comuni inclusi nelle zone a rischio sismico 1 ai sensi della O.P.C.M. 3519/06, mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici, anche con variazione volumetrica rispetto all’edificio preesistente, ove consentito dalle norme urbanistiche, da parte di imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare che provvedano alla successiva alienazione dell’immobile, entro diciotto mesi dalla data di termine dei lavori.    spettano le detrazioni previste in caso di riduzione del rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore, rispettivamente nella misura del 75% e dell’85% del prezzo della singola unità immobiliare e, comunque, fino a 96.000 euro per singola unità immobiliare.  I soggetti beneficiari possono optare per la cessione del credito alle medesime imprese che hanno effettuato gli interventi ovvero ad altri soggetti privati, con la facoltà di successiva cessione del credito, con esclusione di cessione ad istituti di credito e intermediari finanziari. I commi da 2 a 4 recano disposizioni di carattere finanziario concernenti la copertura finanziaria della predetta disposizione.

Voucher lavori condominiali

Si introduce una nuova disciplina delle prestazioni di lavoro occasionale. Alle prestazioni di lavoro occasionali possono ricorrere le persone fisiche o altri utilizzatori. Per quanto concerne le persone fisiche, non nell’esercizio dell’attività professionale o d’impresa, possono ricorrere a prestazioni occasionali utilizzando il Libretto Famiglia, cioè un apposito libretto nominativo prefinanziato, acquistabile presso  l’INPS o gli uffici postali, e utilizzabile per il pagamento delle prestazioni occasionali rese nell’ambito di: a) piccoli lavori domestici – inclusi lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione -; b) assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità.

Manovra correttiva 2017 affitti brevi

Dal primo giugno entrerà in vigore l’imposta speciale che prevede il pagamento della cedolare secca del 21% per tutti gli affitti brevi, inferiori ai 30 giorni, stipulati da persone fisiche direttamente o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, anche attraverso la gestione di portali online. La nuova imposta andrà a sostituire quella dell’Irpef e quella di registro che chi affitta è chiamato a pagare a fine anno con la dichiarazione dei redditi.

FONTE: https://www.idealista.it/news/immobiliare/residenziale/2017/06/01/123138-manovra-correttiva-2017-le-novita-per-il-settore-immobiliare

 
 

Tag: , , , , , , , ,

Apertura pausa pranzo!

fb

Da Gennaio 2017 il nostro ufficio di Carpi (MO) Via G. Mazzali n. 23 riceverà su appuntamento anche in orario “pausa pranzo” nei giorni di Lunedì e Mercoledì. In questi giorni, infatti, effettueremo orario continuato.

NUOVI ORARI UFFICIO CARPI:

LUN. MERC. 9,00 – 19,30

MART. GIOV. VEN.: 9,00 – 12,30    15,30 – 19,30

SAB.: 9,00 – 12,30

Per informazioni o appuntamenti: 059/645023 – carpi@eurocasaimm.com

UFFICIO DI CARPI (MO) Via G. Mazzali n. 23, dove si trova: https://www.google.it/maps/place/Via+Guido+Mazzali,+23,+41012+Carpi+MO/@44.7784452,10.8819291,17z/data=!3m1!4b1!4m5!3m4!1s0x477ff2cb2e367509:0x9ed98458b166f78d!8m2!3d44.7784414!4d10.8841178

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

I documenti necessari quando si decide di vendere casa

 

house_market_2_gtres_a00647649_008

Quando si decide di vendere casa sono tante le cose a cui pensare, a cominciare dai documenti necessari. Vediamo, dunque, qual è la documentazione che bisogna possedere prima di stipulare il rogito notarile.

Come sottolineato dallo Studio Cataldi, “il venditore deve munirsi di una serie di documenti che vanno consegnati al notaio affinché questi possa predisporre l’atto di compravendita”.

– Copia dell’atto di provenienza dell’immobile.

– Documentazione catastale e ipotecaria.

– A seconda dei casi, copia della licenza o della concessione edilizia o del permesso di costruire iniziale se la costruzione è successiva al primo settembre 1967.

– Nel caso in cui l’immobile nel corso degli anni sia stato sottoposto a modifiche catastali, urbanistiche o edilizie è necessario raccogliere tutta la documentazione relativa: precedenti schede catastali, eventuali copie delle concessioni edilizie o dei permessi di costruire, copie delle domande di concessione o di permesso in sanatoria e copie delle denunce di inizio attività (Dia).

– Certificato di agibilità/abitabilità (relativo alle condizioni di sicurezza, igiene e salubrità di un immobile).

– Attestato di prestazione energetica (Ape).

– Se vi sono terreni di superficie maggiore di 5mila metri quadri, certificato di destinazione urbanistica.

– Quando l’immobile si trova in condominio, copia del regolamento condominiale.

– Se l’immobile è locato, copia del contratto di locazione.

 

https://www.idealista.it/news/immobiliare/residenziale/2016/08/25/120736-i-documenti-necessari-quando-si-decide-di-vendere-casa#xts=402916&xtor=EPR-140-%5Bche_succede_20160825%5D-20160825-%5Bm-01-leermas-node_120736%5D-7524303@3

 
 

Tag: , , , , , , , , , ,