RSS

Archivi tag: immobiliare carpi

NUOVO GIORNALINO EUROCASAIMM

NUOVO GIORNALINO EUROCASAIMM

SCARICA IL NOSTRO NUOVO GIORNALINO!

giornalino 08-05-19

Annunci
 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Tutele per gli acquirenti degli immobili da costruire, il decalogo del Notariato

Tutele per gli acquirenti degli immobili da costruire, il decalogo del Notariato

Entrano in vigore sabato 16 marzo le nuove tutele per gli acquirenti degli immobili da costruireintrodotte dal dl n 14/2019. Il Consiglio Nazionale del Notariato ha presentato un decalogo per chiarire qualsiasi dubbio per acquirenti e venditori di case in costruzione.

1) Legge sugli immobili da costruire, cosa prevede?

Con il dlgs 122/2005 il legislatore si è preoccupato di tutelare le persone fisiche, che stipulano con un’impresa di costruzioni un contratto che ha come effetto il trasferimento non immediato di un immobile in corso di costruzione, dal rischio che, a causa della crisi dell’impresa costruttrice, l’acquirente subisca la perdita degli acconti versati per l’acquisto.

La tutela per chi compra prevede:

  • l’obbligo del costruttore di consegnare all’acquirente una fidejussione, che garantisca il rimborso, in caso di crisi dell’impresa, di tutte le somme pagate o da pagare prima del trasferimento definitivo della proprietà;
  • l’obbligo di consegnare all’acquirente, al momento del trasferimento della proprietà, una polizza assicurativa di durata decennale (cd. decennale postuma) che garantisca il risarcimento dei danni materiali e diretti all’immobile, derivati dalla rovina totale o parziale o da gravi difetti costruttivi.

2) Perché il legislatore è intervenuto sulla normativa precedente?

Il legislatore si è reso conto che la norma, per gli acquisti effettuati fino al 15 marzo 2019, poteva essere facilmente disapplicata poiché le imprese potevano non rilasciare le garanzie e comunque vendere gli immobili in costruzione. Lo spirito della norma non è solo migliorare le tutele a favore dell’acquirente, ma anche la qualità imprenditoriale, introducendo la necessità per il costruttore di essere considerato “garantibile”.

3) Vendita di immobili da costruire e tutela dell’acquirente, cosa cambia?

La nuova legge (dlgs n.14/2019) prevede l’obbligo di stipulare il contratto preliminare (mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata) con l’intervento del notaio, al quale impone di verificare ed attestare la correttezza della fidejussione (che deve essere conforme ad un modello ministeriale).
Il notaio non stipulerà l’atto in assenza di fidejussione. Inoltre, in base alle nuove norme, la fidejussione garantisce il rimborso delle somme versate dal futuro acquirente anche in caso di mancato rilascio della polizza indennitaria decennale postuma in occasione dell’atto di compravendita dell’immobile.

4) Legge immobili da costruire, quando entra in vigore?

Le maggiori tutele previste dalla nuova legge si applicano a tutti i contratti (preliminari o definitivi) relativi a fabbricati abitativi per i quali il titolo abilitativo (permesso di costruire/scia/dia) sia stato richiesto o presentato al Comune a decorrere dal 16 marzo 2019.

5) Tutela acquirenti immobili da costruire, la fidejussione

La fidejussione è efficace fino a quando l’assicurazione o la banca che l’ha rilasciata ricevano copia autentica dell’atto di trasferimento dell’immobile contenente l’attestazione del rilascio della polizza assicurativa decennale postuma.

Fino a quel momento, la somma garantita dalla fidejussione può essere pretesa dal futuro acquirente in caso di crisi dell’impresa costruttrice, se il futuro acquirente abbia comunicato di voler recedere dal contratto oppure se il notaio abbia attestato di non aver potuto ricevere l’atto di trasferimento per il mancato rilascio della polizza decennale postuma.

6) Preliminare immobili da costruire, l’intervento del notaio

L’intervento del notaio nel preliminare che riguarda l’acquisto di un immobile da costruire, assicura che siano effettuate tutte le verifiche (visure ipotecarie) riguardanti l’esistenza di ipoteche o altri vincoli sull’immobile da costruire. Inoltre, il notaio è obbligato a trascrivere il contratto preliminare nei registri immobiliari, con l’effetto di proteggere l’acquirente dal rischio di ipoteche o vincoli successivi alla trascrizione stessa (purché la vendita intervenga entro tre anni).

7) Preliminare immobile da costruire, cosa deve contenere

Oltre all’indicazione del rilascio della fidejussione e all’attestazione della sua conformità al modello ministeriale, il preliminare deve contenere:

  • la descrizione dell’immobile da costruire, con i suoi confini, e delle pertinenze;
  • l’indicazione degli eventuali atti d’obbligo, nonché l’esistenza di ipoteche o trascrizioni pregiudizievoli;
  • il termine pattuito per l’esecuzione dei lavori, il prezzo e le modalità di pagamento;
  • gli estremi del permesso di costruire e l’indicazione dell’esistenza di imprese appaltatrici;
  • il capitolato con le caratteristiche dei materiali e gli elaborati di progetto.

8) Compravendita immobili da costruire, come interviene la legge?

La legge interviene anche al momento della compravendita di un immobile da costruire. Infatti il costruttore deve consegnare all’acquirente una polizza assicurativa indennitaria decennale, a copertura dei danni materiali subiti dall’immobile per effetto di rovina totale o parziale o di gravi difetti costruttivi dell’opera. Il contratto di compravendita deve contenere l’indicazione degli estremi della polizza decennale.

In caso di mancata consegna della polizza, il notaio non procede a ricevere l’atto e l’acquirente che abbia comunicato la propria volontà di recedere dal contratto ha diritto di ottenere dalla società o dalla banca che ha rilasciato la fidejussione il risarcimento di quanto versato al costruttore.

9) Immobili da costruire, cosa succede se non rispetta la norma?

Il mancato rispetto dell’obbligo di stipulare il preliminare con atto pubblico o scrittura privata autenticata comporta la nullità assoluta del contratto per mancanza di forma. L’intervento del notaio nella stipula del contratto preliminare e del contratto definitivo garantisce il rispetto dell’obbligo di consegna della fidejussione (nel preliminare) e della polizza decennale (nel definitivo), che il notaio è tenuto ad indicare nel contratto.

10) Acquisto immobile sulla carta, come comportarsi?

Come ci si deve comportare se si intende acquistare un immobile sulla carta? Ciò che prima della prima della riforma era un’opportunità raccomandata adesso è un obbligo di legge: rivolgersi al notaio, affidandogli l’esecuzione, oltre che delle verifiche sull’inesistenza di ipoteche o vincoli di altro tipo, del controllo sul rilascio della fidejussione.

 

fonte: idealista – https://www.idealista.it/news/immobiliare/residenziale/2019/03/15/130389-tutela-acquirenti-immobili-da-costruire-il-decalogo-del-notariato#xts=402916&xtor=EPR-140-%5Bche_succede_20190315%5D-20190315-%5Bm-01-titular-node_130389%5D-7524303@3

 
 

Tag: , , , , , , , , , ,

UFFICI EUROCASAIMM PER IL MESE DI AGOSTO

UFFICI EUROCASAIMM PER IL MESE DI AGOSTO

EUROCASAIMM CARPI – Via G. Mazzali n. 23, Tel.: 059/645023

L’ufficio di Carpi resterà aperto tutto il mese di Agosto su appuntamento!

 

EUROCASAIMM NOVI DI MODENA – Via A. Ligabue n. 37, Tel.: 059/677539

L’ufficio di Novi di Modena resterà chiuso dal 29 Luglio al 12 Agosto compresi, per il restante mese di Agosto sarà aperto su appuntamento!

 

EUROCASAIMM ROLO – Corso Repubblica n. 45, Tel.: 0522/658323

L’ufficio di Rolo resterà chiuso dal 11 Agosto al 19 Agosto compresi, per il restante mese di Agosto sarà aperto su appuntamento!

 
 

Tag: , , , , , , , ,

Sospensione mutuo 2018, i requisiti necessari

Sospensione mutuo 2018, i requisiti necessari

 

Le famiglie in difficoltà possono sospendere per un periodo di tempo fino a 18 mesi il versamento della quota capitale del proprio finanziamento, continuando però a versare la quota relativa agli interessi. Vediamo i soggetti coinvolti.

Il Fondo di solidarietà dei mutui per l’acquisto della prima casa consente ai mutuatari di richiedere alla banca che ha erogato il mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale la sospensione del pagamento dell’intera rata fino a un massimo di due volte, per complessivi 18 mesi, al verificarsi dei seguenti eventi occorsi nei 3 anni precedenti alla presentazione della richiesta di sospensione:

  • cessazione del rapporto di lavoro subordinato, ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione;
  • cessazione dei rapporti di lavoro di cui all’art. 409, numero 3), del codice di procedura civile, ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione;
  • morte o riconoscimento di handicap grave, ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero di invalidità civile non inferiore all’80 per cento.

I principali requisiti per l’accesso sono, tra gli altri, un reddito Isee non superiore a 30.000 euro e l’importo di mutuo non superiore a 250.000 euro per l’acquisto di un’immobile non di lusso adibito ad abitazione principale.

Il 21 novembre 2017 L’Abi e 15 associazioni dei consumatori, nell’ottica di dare continuità alle misure di sostegno alle famiglie in difficoltà nel pagamento delle rate dei finanziamenti, hanno convenuto di prorogare l’accordo per la sospensione della sola quota di capitale del credito alle famiglie siglato il 31 marzo 2015.

In particolare, entro il 31 luglio 2018 possono richiedere la sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale dei finanziamenti al consumo di durata superiore a 24 mesi, i consumatori che si trovino in difficoltà al verificarsi dei seguenti eventi occorsi nei 2 anni precedenti alla presentazione della richiesta di sospensione:

  • perdita del posto di lavoro a tempo determinato o indeterminato o dei rapporti lavorativi di cui all’art. 409 del cpc;
  • morte;
  • handicap grave o condizione di non autosufficienza;
  • sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni anche in attesa dell’emanazione di provvedimenti di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito (ad es. Cig, Cigs, i cosiddetti ammortizzatori sociali in deroga etc.).

La sospensione non può essere richiesta invece per i mutui che abbiano almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • ritardo nei pagamenti superiore a novanta giorni consecutivi al momento della presentazione della domanda da parte del mutuatario, ovvero per i quali sia intervenuta la decadenza dal beneficio del termine o la risoluzione del contratto stesso, anche tramite notifica dell’atto di precetto, o sia stata avviata da terzi una procedura esecutiva sull’immobile ipotecato;
  • fruizione di agevolazioni pubbliche;
  • un’assicurazione a copertura del rischio che si verifichino gli eventi di cui sopra, purché tale assicurazione garantisca il rimborso almeno degli importi delle rate oggetto della sospensione e sia efficace nel periodo di sospensione stesso.

Possono richiedere la sospensione del pagamento della quota capitale anche i mutuatari titolari dei mutui garantiti da ipoteche su immobili adibiti ad abitazione principale, nei soli casi di cui alla predetta lettera d).

 

FONTE: IDEALISTA: https://www.idealista.it/news/finanza/mutui/2018/06/20/126431-sospensione-mutuo-2018-requisiti#xts=402916&xtor=EPR-140-%5Bche_succede_20180621%5D-20180621-%5Bm-01-titular-node_126431%5D-7524303@3

 
 

Tag: , , , , , , ,

Corso crescita professionale: Eurocasaimm con Gian Luigi Sarzano!

Corso crescita professionale: Eurocasaimm con Gian Luigi Sarzano!

Amiamo il nostro lavoro e ogni giorno cerchiamo di crescere e migliorare. Proprio per questo il nostro team ha deciso collaborare con il coach immobiliare di maggiore successo in Italia, Gian Luigi Sarzano!

 

 
 

Tag: , , , , , , , , ,

Legge di bilancio 2018: sí a bonus ristrutturazione, ecobonus e cedolare secca

Legge di bilancio 2018: sí a bonus ristrutturazione, ecobonus e cedolare secca

l Consiglio dei Ministri ha approvato la legge di Bilancio per il 2018 che entro il 20 ottobre dovrà passare alle Camere. Il testo non è ancora disponibile, ma dalle indiscrezioni e dalla prima bozza, sono state confermate le proroghe del bonus ristrutturazione, dell’ecobonus e della cedolare secca. Novità è l’introduzione del bonus verde.

  • Legge di bilancio 2018 ristrutturazione edilizia
    Qualche giorno fa Delrio aveva annunciato una possibile proroga pluriennale del bonus ristrutturazioni, mentre nessuna informazione era stata data riguardo al bonus mobili. Nella prima bozza appare il bonus ristrutturazioni con le stesse caratteristiche del 2017, prorogato fino al 31 dicembre 2018. Nessuna notizia sul bonus mobili.
  • Legge di bilancio 2018 ecobonus – Come annunciato da Delrio, la manovra garantisce la proroga dell’ecobonus, che sarà stabilizzato per i condomini. Per il 2018 confermata la detrazione fiscale (al 50% e non più al 65%) per le finestre o le caldaie a condensazione, ma allargato anche agli incapienti per la cessione del credito. Si sta pensando di legare la percentuale di detrazione all’obiettivo di efficientamento energetico effettivamente raggiunto
  • Bonus verde 2018 – Assoluta novità della manovra sarà il cosiddetto bonus verde, ovvero una detrazione del 36% per i lavori di sistemazione di terrazzi e giardini, anche condominiali.
  • sismabonus 2018 – la detrazione fiscale per gli interventi di adeguamento e miglioramento antisismico si applicherà anche alle certificazioni statiche degli edifici non seguite da lavori
  • Riqualificazione periferie urbane – Il ministro del lavoro, Padoan, ha annunciato che sarà avviata a breve la riqualificazione ambientale e sociale delle periferie
  • proroga cedolare secca 2018 – Secondo fonti di governo, citati dall’Ansa, nella legge di Bilancio ci sarebbe la conferma della cedolare secca. L’agevolazione fiscale al 10% e’ stata introdotta dal Piano casa per gli affitti concordati, con la durata di un quadriennio a decorrere dal 2014 e fino al 31 dicembre 2017.
  • edilizia sanitaria – previsto un miliardo in più di incentivi in tre anni  sul fronte della sanità per l’edilizia nel settore della sanità

 

fonte: idealista https://www.idealista.it/news/finanza/casa/2017/10/17/124281-legge-di-bilancio-2018-bonus-ristrutturazione-in-forse-si-alle-altre-detrazioni-fiscali-per#xts=402916&xtor=EPR-139-%5Bbolletino_20171020%5D-20171020-%5Bm-01-titular-node_124281%5D-7524303@3

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 ottobre 2017 in Attualità

 

Tag: , , , , , , , , , ,

ATTENZIONE!!!

ATTENZIONE!!!

INFORMIAMO TUTTI I CLIENTI CHE EUROCASAIMM HA UN SOLO UFFICIO A CARPI, ED E’ IN VIA G. MAZZALI N. 23, ALTRE AGENZIE/UFFICI CON NOMI SIMILI PRESUMIBILMENTE RICONDUCIBILI A NOI NON FANNO PARTE DEL NOSTRO GRUPPO E NON SONO ASSOLUTAMENTE COLLEGATE AI NOSTRI SERVIZI.

 

SE CERCATE NOI,

FATE ATTENZIONE AL NOSTRO MARCHIO!

logo.jpg

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 ottobre 2017 in Eurocasaimm

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,